FISC Home Page » News ed Eventi » 2017 » Dicembre » IL CINEMA RACCONTA I GIOVANI 
IL CINEMA RACCONTA I GIOVANI   versione testuale
Dalle Sale della comunità proposte di film verso il sinodo
Andare al cinema per provare ad ascoltare i giovani. Sì, perché un film può trasformarsi in uno specchio, mostrare aspetti sconosciuti e orizzonti nuovi, narrare il mondo da un punto di vista originale. «Il cinema ha molto da dire sui ragazzi ed è una finestra aperta sulla loro realtà: su come si raccontano e su come vengono raccontati», sottolinea don Adriano Bianchi, presidente dell’Acec, l’Associazione cattolica
esercenti cinema che in vista del Sinodo ha lanciato «Non abbiate paura di sognare», un’iniziativa per parrocchie, comunità, gruppi ed équipe di pastorale giovanile. Si tratta di una collana di schede filmicopastorali curate da don Gianluca Bernardini, direttore della rivista «SdC. Sale della comunità», e
Arianna Prevedello, responsabile della comunicazione di Acec, che possono essere utilizzate in incontri, cineforum, altre attività per favorire la riflessione, l’ascolto e il confronto su tematiche prettamente giovanili. È uno strumento agile, graficamente curato, adattabile a contesti diversi o a progetti già avviati nelle diocesi in preparazione all’assemblea sinodale di ottobre. L’obiettivo «è prima di tutto pastorale: l’Acec si sforza
non solo di dare un supporto tecnico alle sale della comunità, ma anche di offrire un servizio ecclesiale.
Lo facciamo con il linguaggio che ci è proprio», precisa don Bianchi per il quale «se c’è un modo per ascoltare è vedere come la dimensione culturale del cinema riesce a raccontare il bene e il male, i sogni e le sensibilità dei giovani».
«Come è avvenuto con il percorso ispirato all’esortazione "Amoris laetitia", le schede – spiega il presidente
dell’Acec – riguarderanno film in uscita, nelle sale o molto recenti. E conterranno una lettura teologico pastorale affidata a don Alberto Gastaldi, don Francesco Riccio e don Luca Ramello, incaricati della pastorale giovanile regionale di Liguria, Campania e Piemonte-Valle d’Aosta». «Non è un paese per giovani» di Giovanni Veronesi, «Slam. Tutto per una ragazza» di Andrea Molaioli e «Mustang» di Deniz Gamze Ergüven sono i primi tre titoli i cui approfondimenti sono disponibili su www.saledellacomunita.it.
L’educazione, il concetto di libertà e di responsabilità, il lavoro che manca, i sogni nel cassetto che diventano realizzabili lasciando il proprio Paese, l’amore, sono alcuni dei temi chiave delle pellicole proposte.
«Il linguaggio cinematografico intercetta la realtà dei giovani e può aiutarci ad entrare in contatto con loro, ad ascoltarli come chiede papa Francesco», osserva don Bianchi per il quale «spesso parliamo di ragazzi, ma
non li conosciamo davvero, non abbiamo un’immagine reale». Se dunque l’iniziativa si rivolge principalmente
a formatori, educatori, operatori delle sale della comunità, chiamati a sintonizzarsi sulle frequenze
del pianeta giovani, la visione dei film dell’itinerario dell’Acec diventa un’occasione per gli stessi ragazzi
che «possono ritrovarsi e immedesimarsi». Il cinema, infatti, «descrive, narra, indirizza, orienta: ogni esperienza cinematografica ci provoca, ci interroga, ci permette di riflettere».
E di non aver paura di sognare.
di Stefania Careddu
 
Fonte Avvenire: www.avvenire.it edizione di mercoledì 13 dicembre 2017 pag. 28
 
segnala questa paginastampa questa pagina