FISC Home Page » News ed Eventi » 2017 » Gennaio » IRAQ: S.E. MONS. BASHAR WARDA INCONTRA I GIORNALISTI PRESSO LA SEDE ROMANA DELLA STAMPA ESTERA 
IRAQ: S.E. MONS. BASHAR WARDA INCONTRA I GIORNALISTI PRESSO LA SEDE ROMANA DELLA STAMPA ESTERA   versione testuale
Avviso di conferenza stampa
Iraq: S.E. Mons. Bashar Warda incontra i giornalisti presso
la sede romana della Stampa Estera

Lunedì 30 gennaio alle ore 15.00 l’Arcivescovo caldeo di Erbil (Kurdistan iracheno), Mons. Bashar Warda, e il Direttore della Fondazione pontifica ACS-Italia Alessandro Monteduro terranno una conferenza stampa nella sede dell’Associazione della Stampa Estera in Italia (via dell’ Umiltà, 83/C – Roma).
Mons. Warda è il più autorevole testimone dell’intera comunità cristiana del Nord Iraq. Si è fatto carico dei 125.000 cristiani allontanatisi dalla Piana di Ninive e da Mosul nel 2014 a causa dell’attacco dell’ISIS, e sostiene tuttora i 110.000 attualmente presenti ad Erbil, a cui si aggiungono progressivamente i profughi che in queste settimane provengono da Mosul.
Nel corso della conferenza stampa sarà affrontato un problema cruciale per il futuro dell’area: le famiglie cristiane possono effettivamente tornare nei luoghi liberati dal sedicente Stato Islamico? È possibile varare un adeguato piano infrastrutturale per ricostruire ciò che è stato distrutto, grazie a contributi pubblici e privati? Le grandi potenze occidentali stanno progressivamente intervenendo per contribuire a tale ricostruzione?
Durante l’incontro con la stampa l’Arcivescovo caldeo di Erbil fornirà un aggiornamento circa la situazione dei cristiani presenti nell’area soggetta alla sua autorità, e risponderà alle precedenti domande. 
Nota: si prega di accreditarsi tramite mail da inviare a mt@acs-italia.org entro le ore 12.00 di venerdì 27 gennaio. Lingua di lavoro: inglese.   
***
“Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2015 ha raccolto oltre 124 milioni di euro nei 22 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato 6.209 progetti in 146 nazioni.
 
segnala questa paginastampa questa pagina